Per dimagrire bisogna camminare o correre

Camminare per 4 km al giorno fa dimagrire

L’eterno dibattito tra correre o camminare per perdere peso è ancora in corso e continuerà a lungo. Molte persone sono interessate a perdere peso, ma quando iniziano a correre incontrano problemi muscolari o scheletrici che impediscono loro di raggiungere gli obiettivi sportivi. Ma cosa è meglio per il corpo, quale delle due attività brucia più grassi ed è meglio correre o camminare per perdere peso? Discuteremo ora l’argomento nel modo più oggettivo possibile.

Innanzitutto, è importante sottolineare che quando si parla di camminare, ci si riferisce al power walking o alla camminata a passo sostenuto, non alla passeggiata. E aprite bene gli occhi perché la frase che state per leggere vi stupirà: il power walking è più efficace della corsa per perdere peso e, anzi, fa bruciare più calorie.

Lo dicono esperti come Víctor Gadea, personal trainer. Tuttavia, Victor sottolinea il fatto che non si tratta di camminare in un modo qualsiasi, ma a un ritmo adeguato, con una frequenza e un tempo adeguati al consumo di calorie.

Per perdere peso è meglio camminare o correre?

La conclusione che se ne trae è che camminare a un buon ritmo è benefico; correre per molti chilometri, a un ritmo elevato e per lunghi periodi di tempo, invece, è controproducente. Tuttavia, è necessario sottolineare che la camminata, in qualsiasi forma, non è sufficiente per perdere la pancia.

Muy interesante:  A 65 anni e giusto correre o e meglio camminare

Quanto bisogna camminare o correre per perdere peso?

Javier Gonzalez, allenatore e direttore tecnico delle cliniche Bodyon, chiarisce: “L’ideale sarebbe correre 3 o 4 giorni alla settimana per un totale di 8-12 chilometri. In modo che l’allenamento quotidiano duri sempre più di 45 minuti. In questo modo si possono bruciare i grassi.

Che cosa è meglio correre o camminare?

Per le malattie cardiache, la corsa riduce il rischio del 4,5% e la camminata del 9,3%. In altre parole, in tutti i casi, camminare è molto più vantaggioso che correre. Inoltre, produce una minore usura e un minor rischio di lesioni. Visti sotto questa luce, sono tutti vantaggi.

Correre o camminare per perdere il grasso della pancia

Sembra una favola, ma è reale. È possibile perdere peso senza andare in palestra ogni giorno. Infatti, la formula infallibile per dimagrire e perdere i chili di troppo è migliorare la dieta e muoversi di più. Mangiate cibi brucia-grassi e seguite una dieta sana. E per ottenere questo risultato basta una cosa semplice ed economica come camminare, che, oltre a essere un’abitudine sana, ci aiuta a sentirci bene.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che per essere in buona salute è necessario muovere 10.000 passi al giorno. Solo con questo movimento (circa 8 chilometri ogni 24 ore) si possono prevenire malattie come l’obesità. Ma se si fa un piccolo sforzo in più, solo 5.000 passi in più, si può anche perdere peso o dimagrire.

Muy interesante:  Da solo puoi correre veloce ma per andare lontano

In media, una persona cammina per circa 2.000 passi su un chilometro e mezzo e brucia circa 100 calorie. Per perdere un chilo alla settimana, dovremmo bruciare circa 1.000 calorie al giorno, il che equivale a camminare per circa 7,5 chilometri.

Tabella delle camminate per la perdita di peso

Ragazza che corre Quale brucia più calorie: correre o camminare? Per la perdita di peso, tutti risponderemmo la corsa. Questo è vero nella maggior parte dei casi, ma in alcune circostanze camminare in un certo modo può comunque aiutare a perdere peso se non si è pronti a correre o se si è appena agli inizi.

Il fattore chiave è il dispendio calorico. “Tenete presente che la cosa più essenziale per perdere peso sarà il deficit calorico. Consumare meno calorie di quelle consumate è la chiave per perdere peso”, ricorda l’esperto di Orangetheory La Moraleja.

Pertanto, non ci sarebbe una distanza specifica se non conoscessi il dispendio che avrò nel tempo in cui lavoro e se questo mi porterà al deficit calorico giornaliero necessario per perdere peso. Come ha detto l’allenatore all’inizio, maggiore è la velocità, maggiore è la spesa.

Muy interesante:  Dove poter andare a correre a roma

Per quanto riguarda il tempo, dovrebbe essere quello che ci porta al lavoro cardiovascolare, aumenta la frequenza cardiaca, attiva il sistema nervoso, il metabolismo e brucia più calorie. Tuttavia, come sottolinea l’esperto, “bisogna sempre differenziare il caso personale di ogni persona e tenere presente che a seconda del peso, dell’altezza, dell’età e di vari altri fattori, la spesa sarà molto diversa”.

Meglio correre o camminare

Molto prima che i moderni le dessero il nome roboante e anglofono di power walking, l’ex presidente russo e premio Nobel per la pace Mikhail Gorbaciov e sua moglie Raisa erano già, alla fine degli anni Ottanta, convinti sostenitori di questa attività che consiste essenzialmente nel camminare a passo svelto.

Per Gadea, la frequenza ideale è di tre o quattro volte alla settimana. La durata di ogni sessione dovrebbe essere inizialmente di circa 40-45 minuti. Nelle prime sessioni di allenamento, il ritmo dovrebbe essere intorno al 60% della frequenza cardiaca massima. Un ritmo sostenuto ma confortevole”, spiega Gadea, “che deve sempre tenere conto della forma fisica della persona che lo esegue”.

8. I piedi devono essere paralleli tra loro. Affinché l’esercizio sia efficace e più riposante, i piedi devono essere tenuti alla stessa distanza della larghezza delle spalle. Indossare calzature sportive leggere ma robuste.